Cassata siciliana


Categoria: Dessert tipico siciliano Reparti interessati: Patissier Utensili usati:  tortiera, mattarello, setaccio, raschia, spatola, carta da forno, vassoio, pennello, leccapentola, terrina, frusta, pentolino, spatola di legno

Uno dei dolci più tipici della Sicilia, ricco di sapori e di storia, preferibile da consumare nei periodi freddi.

Ingredienti per una tortiera da 18/20 cm

  • Pasta reale g 150
  • Ricotta di mucca g 500
  • Zucchero a velo g 200
  • Frutta candita g 100
  • Gocce di cioccolato g 80
  • Vaniglia g 1
  • Cioccolato fondente sciolto g 100
  • Pan di spagna g 150 circa
  • Rum ml 50

Per la glassa

  • Zucchero per decorare g 150
  • Albume d’uovo n 1

Per decorare

  • Frutta candita g 100

Procedimento

  • Stendere la pasta reale, con un mattarello fino ad ottenere uno spessore di 4 mm.
  • Spolverare la tortiera di zucchero a velo oppure carta da forno e foderare con la pasta facendo attenzione che aderisca perfettamente e tagliare con il coltellino i bordi.
  • Con l’aiuto di un pennello cospargere di cioccolato fondente fuso e temperato la pasta.
  • Foderare di pan di spagna la tortiera. Bagnare con metà del rum.
  • Mettere in una terrina la ricotta, lo zucchero, le gocce di cioccolato, la frutta candita, la vaniglia e amalgamare il tutto.
  • Adagiare il ripieno nello stampino e stenderlo.
  • Ultimare coprendo con il pan di spagna restante e bagnare con il rimanente rum.
  • Per preparare la glassa, mischiare lo zucchero con l’albume. Ricoprire la cassata con il preparato, dopo aver disposto il dessert su una griglia, colando la glassa uniformemente su tutta la superficie. Lasciare riposare un’ora in frigorifero e completare aggiungendo la frutta candita come decorazione.

Consigli: Utilizzate dello zucchero a velo per stendere la pasta reale, questo per evitare che attacchi sul piano di lavoro e sul mattarello. E’ preferibile lasciare risposare il dolce in frigo per 1 ora prima di confezionarlo definitivamente. Lo zucchero fondente non bisogna riscaldarlo tanto altrimenti si avrà una glassatura opaca e molto fine. La temperatura consigliata è intorno ai 35°C.

Informazioni su pinoazzarone

La didattica e il web in cucina
Questa voce è stata pubblicata in Pasticceria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...