Attrezzatura per un cocktail….

 
Attrezzatura giusta per un cocktail perfetto
Per la preparazione di un buon cocktail è indispensabile avere a
cocktaildisposizione tutta l’attrezzatura adatta. Qui di seguito sono elencati tutti gli strumenti necessari alla preparazione di bevande fresche e dissetanti.
  • Apribottiglie
Deve essere robusto e funzionale, con un solido aggancio e un braccio non troppo corto.
  • Apriscatole
I migliori sono quelli a lama larga e manico robusto. Quelli elettrici sono molto pratici, ma piuttosto delicati, è sempre meglio averne a disposizione uno manuale. Molte scatole hanno un apriscatole usa e getta, sicuramente funzionale.
  • Bowl
In italiano “bowl” si traduce più o meno con “zuppiera”, ma il termine inglese è universalmente accettato. Le più belle bowls sono d’argento o di cristallo, è consigliabile sceglierle piuttosto ampie, per i casi in cui occorra preparare, anche in anticipo, bevande in notevole quantità, come per esempio per un cocktail party con numerosi invitati. Non tutti i cocktails possono essere preparati nella bowl; le più indicate sono le bevande chiamate cup, a base di vino (champagne compreso) e sidro. In qualche caso può essere sostituita dalla caraffa.
  • Cavatappi
Deve essere solido, di facile e soprattutto rapido uso. La spirale in acciaio del cavatappi (la parte che deve penetrare nel sughero) deve essere sottile, mentre le spire, al contrario, devono essere largheper evitare che il sughero si rompa.
  • Colino
E un oggetto di forma circolare, con un alto bordo intorno. Dello stesso diametro del mixer, va posto sull’apertura di quest’ultimo, al quale si deve quindi adattare perfettamente per impedire, versando il liquido, la caduta del ghiaccio nel bicchiere.
  • Coltello
Ben affilato, possibilmente con la lama seghettata (cosi gli agrumi si tagliano meglio). Da usare in coppia con l’apposita base di legno, che costituirà un ottimo piano d’appoggio per ogni operazione di taglio, ed eviterà di rovinare altre superfici.
  • Contenitore per il ghiaccio
I più belli sono quelli d’argento o di cristallo. Molto pratici i termos in plastica che impediscono un troppo rapido scioglimento dei cubetti o dei cristalli. Tutti, comunque, devono essere abbastanza larghi e non vanno mai riempiti fino all’orlo.
  • Cucchiai
Sono necessari cucchiai di varie dimensioni e capacità. I più usati, anche in plastica, hanno il manico di circa 18 centimetri e la coppa appiattita; servono solo per mescolare e non vanno mai lasciati nel bicchiere. Quelli più corti si usano per aggiungere lo zucchero. Infine c’è il cucchiaio da usare per riempire i bicchieri con il contenuto della bowl (in una sola volta),dal manico lunghissimo e dalla coppa larga e capiente. Il cucchiaio per il ghiaccio, con la coppa a forellini, è una rarità, sostituita dalle pinze.
  • Forchetta
Deve avere due o tre rebbi, abbastanza affilati. La lunghezza del manico è bene si accordi con quella dei cucchiai.
  • Frullino
Può essere manuale o elettrico. Il secondo è senza dubbio da preferire, ma se si ha abbastanza pazienza anche l’altro può servire egregiamente.
  • Grattugia
Ne servono almeno due, di buon acciaio inossidabile e di piccole dimensioni (quella del formaggio non va bene). Una verrà adoperata esclusivamente per le scorze degli agrumi.
  • Misurino
É un contenitore di vetro dotato di una scala graduata per misurare i liquidi in dosi esatte, indispensabile onde evitare sgradite approssimazioni. Può essere di varie forme e di dimensioni variabili: i misurini più utili hanno la capacità di circa 300 grammi, ma potrete usarne anche di più grossi. Alcuni, di notevoli dimensioni, assomigliano a strani alambicchi chimici e possono costituire articoli da regalo molto decorativi.
  • Mixer
Il tipo più nuovo e funzionale è in cristallo, a forma di anfora, con la parte superiore fatta in modo da impedire assolutamente che il ghiaccio trabocchi. Quelli comuni sono di forma più larga e assomigliano a grossi bicchieri. Tutti i mixer hanno in dotazione un lungo cucchiaio per mescolare, e alcuni anche un colino. E’ chiamato anche mixing glass.
  • Shaker
ShakerÈ in argento o, più raramente, in cristallo. Oggi se ne trovano in commercio anche di plastica, ma non sono molto adatti. La capienza ottimale è di tre quarti di litro: minore potrebbe rivelarsi insufficiente, maggiore renderebbe l’attrezzo ingombrante. All’atto dell’acquisto assicuratevi della sua perfetta tenuta stagna: basta la minima imperfezione, la più piccola perdita per renderlo completamente inservibile. Gli shakers di metallo non vanno mai lasciati inattivi per lungo tempo: un inevitabile processo di ossidazione potrebbe bloccare l’uno all’altro i vari pezzi. Quindi, se non li usate, puliteli frequentemente: ciò eviterà ogni inconveniente. Boston shaker: contenitore per la miscelazione degli ingredienti, formato da un pezzo di vetro e uno in metallo che vengono incastrati uno nell’altro per consentire una tenuta ermetica durante lo scuotimento degli ingredienti.
  • Sifone
Bottiglia con chiusura ermetica munita di meccanismo per l’erogazione di acqua minerale. Volendo si può aggiungere anche un pizzico di sale per rendere il liquido più frizzante. Scegliete un sifone molto robusto e non adoperate più di una bomboletta di anidride carbonica per volta.
  • Spremiagrumi
SpremiagrumiIl tipo classico è in vetro o cristallo; si usa anche quello formato da una piccola pressa metallica.

  • Steiner
Passino, strumento normalmente in acciaio inossidabile che consente il travaso del cocktails dal mixing glass al bicchiere o coppetta di servizio impedendo il passaggio di solidi nella parte liquida.
  • Tritaghiaccio
Anche di questo attrezzo esistono il tipo elettrico e quello a mano. Stavolta le preferenze vanno assolutamente al secondo, possibilmente molto robusto.
[tweetmeme only_single=”false”]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

chef Giuseppe Azzarone

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: