Itinerario Peschici

Grottone e necropoli di Punta Manaccora  (Peschici)

La città di Peschici sorge su un costone roccioso a 90 m. sul livellGrottone e necropoli di Punta Manaccorao del mare; chi giunge sulla Torre Saracena detta Monte Pucci può contemplare estasiato lo spettacolo del paesaggio naturale. Considerata a ragione la perla del Gargano deve il suo nome proprio alla sua posizione su una “rupe a picco”. Le prime notizie su Peschici risalgono al Medioevo, durante la dominazione araba in Sicilia, Ottone I dispose una catena difensiva contro gli Arabi e ordinò agli Schiavoni e ai Dalmati di popolare le zone costiere. Lo stesso fece Ottone II contro i vincitori Saraceni. Successivamente, la città ricompare come una delle tappe ristoratrici e di rifornimento dei Crociati e sotto la giurisdizione della potente Abbazia benedettina delle Isole Tremiti. Il monumento: l’Abbazia di Santa Maria della Calena, tesoro d’arte e architettura primitiva romanica con una cupola in asse risalente al XI sec.. Il Castello d’epoca feudale presenta alte mura grigie sorte per difendersi dagli attacchi dei pirati slavi, turchi e saraceni. Il centro storico: è un vero gioiello con le sue stradine strette e tortuose, ricche di botteghe artigiane, che durante l’estate si affollano di turisti. Da più punti del paese si può godere di una impareggiabile vista sul mare del Gargano. Studi condotti dalla Soprintendenza Archeologica della Puglia hanno evidenziato la frequentazione del territorio di Peschici durante tutta la preistoria. Molte sono le stazioni che hanno restituito materiale archeologico, fra queste una delle più importanti è sicuramente il Grottone Manaccora. Grotta naturale all’interno della quale un nucleo umano vi stabilì la propria dimora svolgendovi pratiche domestiche tradizionali, quali la tessitura, la lavorazione dei derivati del latte e la fusione d’oggetti metallici. Il materiale vascolare rinvenuto spesso allo stato integro consente di datare la struttura all’età del Bronzo finale (XII-XI sec. a.C.). La grotta è situata sul lato nord della Baia di Manaccora a 6 km da Peschici. Alla valenza archeologica si associa l’aspetto paesaggistico e naturalistico per la presenza di vegetazione mediterranea.

Pietanza tipica

Melanzane ripiene

105,24 Kcal

Ingredienti per 10 ospitiMelanzane ripiene

  • Melanzane medie n 10
  • Pomodori ciliegia tagliati a quadretti g 200
  • Capperi tritati g 20
  • Olive nere snocciolate e tritate g 20
  • Acciughe dissalate e tritate g 10
  • Uova n 3/4 circa
  • Formaggio pecorino grattugiato g 200
  • Prezzemolo tritato q b
  • Aglio tritato n 2 spicchi
  • Pane raffermo g 400 circa
  • Olio d’oliva e sale fino q b

Procedimento

Pulire e lavare le melanzane, tagliarle a metà nel verso lungo in orizzontale. Con il cucchiaio togliere la polpa quasi del tutta e porre le melanzane in una bacinella piena d’acqua acidulata con un po’ di succo di limone per evitare che si anneriscono. Tagliare a dadini la polpa e passarla in padella  con un po’ d’olio d’oliva per fare evaporare l’acqua che contiene, lasciarla raffreddare. Tagliare il pane raffermo a pezzettini e lasciarlo per qualche minuto a mollo in acqua, strizzarlo e con le mani sbriciolarlo. Tritare l’aglio, il prezzemolo, le acciughe, i capperi, le olive. In una bacinella unire al pane al polpa delle melanzane, il formaggio e tutti gli ingredienti tritati, i pomodorini tagliati a concassè e mescolare il tutto, versare un filo di olio d’oliva e le uova quanto bastano per amalgamare il composto e renderlo unito, se necessario correggere con il sale. Riempire le melanzane fino al bordo; poi farle rosolare in padella e sistemarle nella teglia con un filo di olio d’oliva extravergine,  continuare la cottura in forno moderato. Sé sarà necessario inumidire il fondo della teglia con un po’ d’acqua e coprire le melanzane con carta stagnola.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

chef Giuseppe Azzarone

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: