Didattica: le carni da macello


Le carni da macello

agnello

Le carni da macello 

La carne occupa un posto preminente tra gli alimenti di maggior valore nutritivo contribuendo in maniera importante allo sviluppo fisico dell’organismo.

Le carni presentano caratteristiche diverse e devono essere trattate in modo diverso, quindi le carni si distinguono fra:

animali da macello (bovini, suini, caprini; ovini, equini);

animali da cortile (conigli, tacchini, pollame, anatre, oche, faraone);

selvaggina (lepri, camosci, cinghiali, pernici, fagiani, quaglie, beccacce).

Con il termine carne s’indica l’insieme di tessuti molli che ricoprono lo scheletro degli animali vertebrati. La carne è composta dal:

tessuto muscolare, tessuto connettivo, tessuto adiposo.

  • Il tessuto muscolare degli animali da macello si presenta come un insieme di fibre lunghe, disposte parallelamente e tenute insieme dal tessuto connettivo, in modo da comporre dei fasci di dimensioni diverse secondo il tipo d’animale, del sesso, dell’età, dell’alimentazione, delle modalità d’allevamento. La carne è tanto più tenera e digeribile quanto più corte sono queste fibre.

  • Il tessuto connettivo: è una sostanza proteica che mantiene assieme le fibre, il sistema muscolare e quello sanguigno; è distinto in tessuto connettivo bianco (collagene) e tessuto connettivo giallo (elastina). Il primo, è maggiormente presente nel tessuto muscolare, a contatto con una fonte di calore moderato, (cotture in umido) si scioglie, formando la gelatina. Il secondo, composto di tendini o fasci nervosi, di colore giallo chiaro, non si scioglie in caso di cotture, pur divenendo morbido; non è in ogni modo adatto ad essere consumato.
  • Il tessuto adiposo detto comunemente grasso contenuto nella carne è costituito da grassi neutri e può essere distinto in:

tessuto adiposo sottocutaneo: es., il lardo nel maiale, il grasso sopra il controfiletto dei bovini; questo tessuto ricopre alcune parti muscolari dell’animale, a seconda dell’alimentazione, del tipo di vita che l’animale a condotto (da stalla, da pascolo).

Tessuto adiposo muscolare:è il grasso, che può essere visibile o meno ad occhio nudo, disseminato tra fibre, fibrille o miofibrille. Il grasso può essere di due colori, bianco e giallo, negli animali giovani è sempre bianco e sodo, negli animali adulti, secondo il sesso, può diventare giallo e molle, come nel caso del grasso della mucca.

Tessuto adiposo viscerale: è il grasso che si forma all’interno dell’animale e ricopre i reni e alcune parti dell’intestino; nei suini si chiama sugna e nei bovini sego.

Le caratteristiche organolettiche per definire la qualità delle carni.

Per definire un tipo di carne, oltre all’analisi visiva dei vari tessuti, bisogna tenere presente anche il colore, il sapore, la finezza, la tessitura, la consistenza e la succosità.

Il colore è dovuto soprattutto alla presenza di una sostanza proteica di nome mioglobina e anche, in minor quantità, l’emoglobina. Entrambe contengono ferro, e dopo la macellazione, a contatto con l’ossigeno, modificano leggermente il colore della carne che passa dal rosso porpora al rosso vivo o rosso bruno.

La presenza di mioglobina nel tessuto muscolare dipende molto dalla razza, dall’età, dal sesso, dall’alimentazione e dal movimento dell’animale.

Sulla base del colore le carni, dopo la macellazione, sono distinte in:

carni bianche (vitello, pollame, conigli, agnello, capretto, tacchini, anatre, animali giovani con fibre muscolari fini e perciò più digeribili).

Carni rosse (manzo, cavallo, pecora, maiale, bue, vacca, montone, animali adulti);

Carni scure (animali selvatici che comprendono la selvaggina da pelo e da piuma come il capriolo, il cinghiale, la lepre, le pernici, il fagiano, l’anatra selvatica, e tutti gli animali che presentano carni dure).

L’odore è dovuto a molti fattori ed è differente per le carni fresche crude e quelle cotte. L’odore varia in base alla specie animale, della sua alimentazione, dell’età e del sesso. La carne fresca ha solidamente odore molto tenue di acido lattico, con sfumature particolare (di latte per gli animali lattanti, di erbe aromatiche per la selvaggina). L’odore è un indice importante per valutare un eventuale stato di alterazione.

Il sapore è dovuto a un insieme di sostanze solubili che si trovano nella carne. Dopo la cottura, il sapore della carne si fa decisamente più intenso e gradevole.

La finezza dipende soprattutto dalla qualità e dal tipo di tessuto connettivo presente nel muscolo. Si valuta tagliando la carne trasversalmente rispetto alle fibre e osservando la “grana” cioè l’aspetto dei fasci muscolari.

La consistenza delle carni varia da molle a consistente a molto consistente. La differenza può essere dovuta dall’alimentazione, dall’età, dall’affaticamento, dalla frollatura, per taglio sbagliato (controfilo) per la scelta delle cotture errate.

La succosità è data dalla capacità del tessuto di trattenere i liquidi, dalla quantità di grassi presenti e dal collagene; inoltre fondamentale il tipo di cottura.

La classificazione in specie animali

Famiglia dei bovini

Vitello: maschio o femmina, di peso da vivo non superiore ai 230 kg. Vitellone:

maschio o femmina, con peso superiore ai 230 kg.

Manzo:

maschio con 1 o 6 denti incisivi da adulto.

Bue:

maschio di età superiore ai 4 anni.

Vacca:

femmina che abbia già partorito.

Torello: maschio, poco più grande del vitello. Toro: maschio che ha già il primo dente incisivo da adulto.

Bufali

Annuvolo: bufalo giovane Bufalo: bufalo adulto

Suini

Suino: femmina o maschio; carni rosate a seconda delle razze e dall’alimentazione. Verro: maschio adibito alla riproduzione. Scrofa: femmina che ha partorito.

Equini

Puledro: animale giovane con carni rosso chiaro. Cavallo: maschio o femmina adulti; carni rosso scuro poco compatte. Asinello: ha carni tenere e gustose. Asino: carni rosso scuro, più dure. Mulo: è un incrocio tra cavalla e asino.

Ovini

Agnellino o abbacchio: maschio o femmina degli ovini lattanti. Agnello: animale maschio o femmina non ancora adulti. Pecora: è la femmina adulta con carni rosse e tigliose. Montone: maschio adulto; ha carni fibrose e molto aromatiche.

Caprini

Capretto: maschio o femmina lattanti. Capra: femmina adulta. Becco: maschio adulto.

La conservazione delle carni.

Le carni possono alterarsi facilmente assumendo colore scuro, odore sgradevole, con perdita di liquidi, alterazione dei grassi, alterazione delle vitamine; è perciò indispensabile una buona conservazione, i metodi usati sono:

la refrigerazione (0 4 gradi), il congelamento (-18), la surgelazione (-18), il metodo cryovac (sottovuoto) a 0 4 gradi, l’affumicatura, il sottosale (pancetta, prosciutto, ecc.).

La macellazione

L’animale, raggiunto un buon grado d’ingrasso, viene avviato alla macellazione. Dopo l’abbattimento, gli animali sono appesi per favorire il dissanguamento. Gli animali vengono poi sviscerati, il corpo cosi lavorato è detto carcassa. Le carni poi sono sottoposte al controllo sanitario, pesate e collocate in locali ventilati alla temperatura di 10 °C affinché si asciughino. Per far sì che le carni siano più tenere si passa alla fase della frollatura che avviene a temperature controllate intorno a + 4 gradi per un periodo che varia da quattro a quindici venti giorni.

Vengono distinti in varie categorie, in base al tessuto e alla rapidità di cotture.

Prima categoria: carni situate nella parte posteriore e schiena, adatte per cotture rapide, alla griglia, arrosto, spiedo, padella.

Seconda categoria: carni situate nelle parti estreme di quelle di prima categoria e nei quarti anteriori, adatte a cotture semirapide per fricassea, al forno, in umido, spezzatino.

Terza categoria: sono i tagli che si trovano nelle parti anteriori, il petto, le parti esterne delle copertine, gli stinchi, indicati per cotture lente come bollito, stufato, brasato, stracotto.

– Le frattaglie

Chiamate anche quinto quarto, sono gli organi interni commestibili dell’animale; si dividono in frattaglie bianche e frattaglie rosse.

Le frattaglie bianche es. la trippa;

Le frattaglie rosse es. il rene, il fegato.

Dopo l’abbattimento l’animale viene sezionato in:

mezzena, quarto anteriore e quarto posteriore, coscia con lombata (pistola).

La carne da macello è venduta in: mezzena, quarto anteriore e quarto posteriore, in coscia, in coscia con lombata, o solo lombata, in spalla, in pancia, in reale, testa, oppure in singoli pezzi sottovuoto; in base alla vendita il prezzo cambia.

Le carni da macello

 
Le carni da macello Le carni da macello

Manzo

A) MUSO: bolliti.

B) TESTA E MASCELLA: brodi.

C) COLLO O COLLARE: brodi, spezzati, macinati.

D) TALLONE DEL COLLO: bolliti, stufati.

E) PETTO GROSSO: bolliti, arrosti, spezzati, teneroni, arrotolati.

F) COPPA: bolliti, stufati.

G-H) SPALLA: fesone: arrosti, bistecche; girello: arrosti, bolliti, scaloppine; parti esterne: macinato.

I) GARRETTO ANTERIORE: per brodi e stufati.

L) COSTATA E FRAGOSTA: alla griglia, padella, arrosto.

M) SPUNTATURA DELLA COSTATA: (biancostato) bollito, spezzato, teneroni, macinato, farce.

N) PETTO SOTTILE: è la parte inferiore del petto, si utilizza esclusivamente per bolliti.

O) LOMBATA INTERA (filetto e controfiletto): il filetto costituisce la parte più fine del manzo. Si può preparare intero arrosto o glassato, è utilizzato anche per beef-steak. Al centro per medaglioni e chateaubriand (doppio filetto) la parte verso la coda per tournedos,la parte terminale fino alla punta per i filet mignon (filetti gentili).

Il controfiletto si prepara generalmente arrosto, disossato a roast-beef e a entrecôte.

P) SPUNTATURA DI LOMBO: brodi, macinati.

Q) FIANCHETTO E PANCIA: brodi, macinati.

R) GROPPA DI CULACCIO (pezza o scamone): scaloppine, arrosto, scaloppa.

S) ROSA: è la parte situata sul davanti della coscia al centro della noce. Si esporta prima la CHIAVE, poi la FESA, la NOCE, lo SCAMONE, la SOTTOFESA: arrosto, padella, griglia.

T) SOTTOFESA: GIRELLO, CONTROGIRELLO, CAMPANELLO, PUNTINA. In francese si chiama fricanteaux: è usato principalmente per arrosti, sezionato per scaloppe e scaloppine.

V) CHIAVE DEL GARRETTO: si utilizza esclusivamente in umido per spezzati.

Z) GARRETTO POSTERIORE: ossibuchi, arrosto, brodi e gelatine.

U) NOCE O SCANNELLO: costituisce la parte centrale della coscia, è utilizzato per scaloppe, scaloppine e arrosti.

Le carni da macelloLe carni da macello i tagli

 
  Le carni da macello

Vitello

A) COSCIA: chiave (osso), fesa e copertina, noce, scamone, spinacino e sottofesa; (campanello, girello, controgirello, puntina). È utilizzata per arrosti, paillard, bistecche, scaloppine, scaloppe, per spezzati, macinati, bitok, polpette, farce, ecc.

B) SELLA: indica le due costate unite. È utilizzata per arrosti, tagliata per costate alla griglia, in padella o per carré al forno.

C) COSTOLETTE: fanno parte della lombata, composto da 13 ossa o costole, disossate, sono impiegate per farce, macinati e spezzati.

D) COLLO: dopo averlo disossato viene è impiegato per spezzati, farce, arrotolati, arrosti e bolliti.

E) PETTO E FIOCCO: è la parte inferiore delle costate. E’ impiegata per bolliti e arrosti, teneroni e spezzati, macinati.

F) FIANCHETTO O PANCIA: arrotolata per rollè, glassata, macinati, farce, bolliti.

G) GARRETTI: intero arrosto, tagliato a ossibuchi, disossato a bollito.

H) SPALLA: bistecche, scaloppine, arrosto, spezzato, macinato. La spalla è composta dalla paletta, fesone, girello.

I) TESTA: brodi e gelatine.

L) PIEDINI O ZAMPETTI: brodi e gelatine.

 
  Le carni da macello

Suino

A) TESTA: gelatina.

B) COSTOLETTE O BRACIOLE: arrosto, disossate alla griglia.

C) LONZA E FILETTO: arista, arrosto, scaloppine.

D) COSCIOTTO: arrosto, disossato bistecche e scaloppine.

E) PIEDI: gelatina.

F) PETTO E PANCETTA: salata, affumicata, macinato.

G) SPALLA: arrosto, scaloppine.

 
  Le carni da macello

A) COSCIOTTO: arrosto, griglia, spezzati, salse, piatti tipici.

B) LOMBATA O SELLA: arrosto, griglia, spadellati.

C) COSTOLETTE: arrosto, griglia, salse.

D) COLLO: arrosto, spezzato.

E) PETTO: spezzato, piatti tipici.

F) PANCIA: farce.

G) TESTA: brodi, piatti tipici.

H) SPALLA: arrosto, spezzati, griglia.

I) PIEDUCCI: cotti con acqua e aceto per piatti tipici.

 
  Le carni da macello

A) COSCIOTTO: arrosto, griglia, salse.

B) COSTOLETTE: arrosto, salse, spezzati.

C-E) SPALLA E COLLO: arrosto, spezzati, salse.

C) TESTINA: arrosto, spaccata in due insieme al cervello.

Le carni degli animali da cortile e la selvaggina.

Gli animali da cortile e gli animali selvatici.

È necessario innanzitutto distinguere tra animali da cortile e selvatici; i primi sono allevati all’ingrasso a fini esclusivamente alimentari, mentre i secondi vivono allo stato brado e sono cacciati.

Secondo la razza e dell’ordine d’appartenenza possono mostrare carni bianche o carni scure.

– Carni bianche: i polletti o galletti, il pollo leggero, il pollo pesante, la pollanca, il cappone, la gallina, il gallo, il tacchino, il coniglio.

– Carni scure da piuma (la faraona, il fagiano, il piccione, la beccaccia, la quaglia, il tordo, l’oca, l’anatra), da pelo (la lepre, il cinghiale, il camoscio, il capriolo).

Il pollame

Le sue carni sono molto tenere e di colore bianco, rosa chiaro, in alcuni casi tendenti al giallogno, secondo le razze e del tipo d’alimentazione

La vendita è effettuata presentando l’animale macellato nel seguente modo:

– intero eviscerato, senza zampe;

– intero, parzialmente eviscerato;

– a metà, suddiviso in due attraverso il taglio della colonna vertebrale per il lungo, oppure a quarti;

– il petto intero disossato;

– cosce, parte posteriore divisa in due.

Il tacchino

Il tacchinetto, maschio o femmina d’età non superiore ai 4-5 mesi e di peso che si aggira intorno ai 3 kg. Si usa generalmente intero, privato però dei nervi delle cosce. Il busto senza pelle da cuocere intero arrosto o come scaloppine, con cotture alla griglia, in padella o in casseruola. Le cosce con cotture arrosto o in umido.

Il tacchino, d’età non superiore ai 12 mesi, dal peso che può superare anche i 10 kg; ha carni bianche rosee, tenere, di gusto delicato e aromatico, con buona digeribilità. Intero sviscerato e meno richiesto per il notevole peso, usato a volte per l’esposizione in buffet freddi o caldi. Il petto o la fesa si presenta al taglio tipo scaloppe con cotture in padella, alla griglia, per involtini con cotture in casseruola, intero legato e cotto al forno.

http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_razze_bovine

prof.  Giuseppe Azzarone

Video utili:

Il documento è scaricabile in video + approfondimento

Carne bovina: come sceglierla

Carni bovine: regole per la conservazione

Disosso verticale

Antica Lavorazione Carni e Podere La Chianina

Informazioni su pinoazzarone

La didattica e il web in cucina
Questa voce è stata pubblicata in La didattica, Le carni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Didattica: le carni da macello

  1. ikram ha detto:

    si davvero bello!!!

    Mi piace

  2. stefano ha detto:

    Che dire, stupendo, scritto bene e alla portata di tutti, bellissimo blog, bravo prof….

    Mi piace

  3. luca ha detto:

    veramente un bel sito…

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...