Prodotti ittici


Modulo integrativo per le classi seconde i prodotti ittici

PESCI DI MARE, D’ACQUA DOLCE E MISTA

I pesci

I pesci sono prodotti ittici, sono vertebrati e non vanno confusi con i crostacei e molluschi, che sono invece animali invertebrati.

Il pesce, appartiene al regno animale acquatico, è pescato in alto mare, nei fiumi, nei laghi o allevati in impianti itticoltura.

Esiste una grande varietà di pesci che si differenziano in base alle acque, determinata dal loro habitat (fondali, scogli), e in base alla forma e caratteristiche strutturali del loro corpo.

Bisogna ricordarsi che i prodotti della pesca hanno rappresentato dal punto di vista economico, fin dall’antichità, un importante patrimonio che ha subito in questi ultimi decenni forti danni a causa di una pesca indisciplinata e dell’inquinamento delle acque che ha portato per alcune specie il rischio d’estinzione.

Classificazione

I pesci si distinguono in:

a) PESCI DI MARE (acciuga, aringa, branzino, merluzzo, rombo, sogliola, tonno, triglia, scorfano, pescatrice, orata, dentice, cernia, spada, palombo, nasello, ecc.);

b) PESCI D’ACQUA DOLCE (carpa, trota, pesce gatto, ecc.);

c) PESCI D’ACQUA MISTA (anguilla, salmone, storione, ecc.).

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i:

a) PESCI AFFUSOLATI

affusolati affusolati

b) PESCI PIATTI

pesci piatti pesci piatti

I pesci affusolati hanno due filetti mentre i pesci piatti hanno quattro filetti.

Per quanto riguarda le caratteristiche delle carni, i pesci hanno generalmente carni bianche per mancanza di mioglobina; fanno eccezione alcune varietà che possono presentare carni rosse, a causa del movimento che sostengono per il continuo spostamento (tonno, anguilla, ecc.), o carni rosate, dovute al tipo d’alimentazione a base di crostacei e insetti (salmone, trota salmonata, ecc.).

struttura del pesce

 
  prodotti ittici

I pesci affusolati, di forma allungata perché buoni nuotatori, se sono di dimensioni rilevanti, sono tagliati in trance dal peso di circa 180 g, se sono di dimensioni medio – piccole sono preparati per la cottura intera o filettati, in questo caso per ogni pesce si ricavano due filetti.

Questi pesci sono indicati interi per cotture alla griglia, al forno, in umido, al vapore oppure bolliti in court-bouillon, al sale e in cartoccio.

Sfilettati per cotture, in padella, alla mediterranea, ad involtini in umido con brodetti, a darne per cotture alla griglia, al forno, in umido, in cartoccio, ecc.

I pesci piatti, vivono sui fondali e vengono generalmente utilizzati interi o sfilettati: sfilettati da ciascun pesce si ricavano quattro filetti. Le cotture più indicate sono quelle veloci alla griglia e in padella.

I pesci e il loro valore nutritivo

I pesci sono considerati animali con carni ad alto valore nutritivo e buona digeribilità, dovuta alla scarsa presenza di tessuto connettivo e di fibre lunghe. In base al contenuto di grassi i pesci sono classificati nel seguente modo:

Classificazione dei pesci in base al contenuto di grassi
Pesci magrissimi Meno dell’1% Merluzzo, nasello, orata, razza, tinca
Pesci magri Dall’1% al 3% Carpa, dentice, luccio. Palombo, rombo, scorfano, sogliola, spigola, trota
Pesci semigrassi Dal 3% al 10% Acciuga, cefalo, pesce spada, sarago, sardine, triglia
Pesci grassi Dal 10% al 14% Anguilla, salmone, sgombro, tonno
Classificazione dei pesci in base alla digeribilità
Molto digeribile Merluzzo, nasello, trota, sogliola, spigola, orata
Digeribile Sarago, tinca, sardina, pesce spada
Poco digeribile Tonno, anguilla, sgombro, aringa

La valutazione dello stato di freschezza del pesce

Il pesce appena pescato deve essere posto in cassette coperte di ghiaccio, in modo da garantire la freschezza. Per valutare la freschezza bisogna considerare alcune caratteristiche:

  • l’occhio; monto vivo, brillante, arrotondato, non incavato.
  • La pelle; lucida, brillante, con squame aderenti e ricca di muco.
  • Le branchie; ben chiuse, con le lamelle rosse o rosate.
  • Le carni; colore brillante, sode, elastiche.
  • L’odore; deve essere salmastro.

Conservare correttamente il pesce

Mentre le carni dei pesci possono essere sterili o poco inquinate, la pelle e le branchie contengono una quantità di germi elevata, direttamente proporzionale all’inquinamento delle acque: ecco perché il pescato è un prodotto che va conservato e utilizzato con le dovute cautele. Pulite sempre il pesce dopo l’acquisto, e conservatelo in frigorifero a 0 – 2 °C per non più di 3 giorni, secondo la specie. In genere gli alimenti ittici congelati vanno scongelati lentamente in frigorifero alla temperatura di 4 °C, ma se sono di grossa pezzatura è consigliabile l’ammollo in acqua fredda corrente, per ridurre i tempi.

La pulizia del pesce

Tecniche di base

Durante la lavorazione operate seguendo scrupolosamente le norme igieniche: lavatevi spesso le mani; tenete i pesci sul tavolo di lavoro lo stretto tempo necessario per la preparazione; utilizzate infine un tagliere riservato unicamente a questo scopo.

È la prima operazione da eseguire: tagliare le pinne, grattare le squame, vuotare il pesce delle interiora, lavarlo e asciugarlo, quindi, se non viene utilizzato immediatamente, riporlo in frigorifero.

fase 1 Sbarbatura  Con l’aiuto delle apposite forbici da pesce, cominciate eliminando le due pinne pettorali, la pinna dorsale e la pinna ventrale, non tagliate mai la coda. Per questa operazione è bene proteggersi le mani con i guanti, perché le pinne di alcuni pesci contengono sostanze irritanti.

fase 2 Squamatura  Con l’apposito squamatore, grattate la pelle del pesce partendo dalla coda verso la testa, ponendo molta attenzione a non lacerarla. Prestate particolare cura alla zona ventrale e alla base della testa, che spesso sono trascurate.

fase 3 Eviscerazione  La tecnica è differente nel caso di pesci piatti oppure di pesci fusiformi. Nel primo caso fate un’incisione di qualche centimetro nella parte ventrale, eliminate i visceri e grattate con un dito la parte sanguinolenta che si trova alla base della testa. Nel secondo caso sollevate gli opercoli ed eliminate le branchie, introducete le dita per staccare i visceri e asportarli delicatamente: se non escono tutti, praticate una piccola incisione a livello anale e togliete i rimanenti.

fase 4 Lavaggio e asciugatura  Lavate il pesce in acqua fredda corrente, facendo scorrere il liquido anche dentro la bocca. Lasciatelo sgocciolare bene e se non viene cotto subito riporlo in frigorifero.

I pesci di grossa taglia possono essere tranciati in:

– trance di circa 180 – 200g;

– darne, da 150 -180 g;

– code, di circa 250 g.

Per quando riguarda i filetti, si possono ricavare due da porzione se il pesce non supera i 250 g.

I crostacei

crostaceicrostaceicrostacei

crostacei

I crostacei sono per la maggior parte animali acquatici, anche se alcuni casi sono adatti a una vita anfibia (per esempio, alcuni tipi di granchi); vivono sia nei mari, come gli scampi che le aragoste, sia nelle acque dolci, come il gambero di fiume, che vive nei ruscelli o nei laghi in acque pulitissime.

  • Dal punto di vista zoologico il corpo dei crostacei si divide in tre parti: capo, torace e addome.
  • Dal punto di vista gastronomico i crostacei si dividono in due parti: il cefalotorace e l’addome.

Tra le numerosissime specie di crostacei esistenti, solo alcune interessano dal punto di vista alimentare; queste sono classificabili, in base alla loro struttura scheletrica, in due gruppi:

  • I macruri, che hanno le caratteristiche sopra descritte e si differenziano tra loro per le dimensioni e per le appendici anteriori; queste nell’astice, nel gambero di fiume e nello scampo sono a forma di grosse pinze (chele), che racchiudono la carne più succosa.

  • I brachiuri, di forma tondeggiante e leggermente piatta, hanno una caratteristica particolare: l’addome, molto ridotto, viene retratto nel carapace, dal quale fuoriescono solo le zampette. Anch’essi sono muniti di due robuste pinze nella parte anteriore, ma sono privi di ventaglio caudale (granseole, granchi reali).

Lo stato di freschezza dei crostacei

Come i pesci, anche per i crostacei la freschezza è uno dei requisiti fondamentali per il consumo; essendo facilmente deperibili, devono essere ben conservati e trattati con dovuta attenzione durante il trasporto.

Le carni dei crostacei hanno un colore molto chiaro, che nel breve periodo possono divenire leggermente giallognole o grigie, anche se conservate molto bene.

Anche l’odore è un indicatore dello stato di freschezza, poiché se l’animale non è freschissimo, emana un odore sgradevole sia crudo sia da cotto, oltre al tipico odore ammoniacale, i crostacei avariati emanano anche un odore di acido.

Il riconoscimento del crostaceo fresco non deve fermarsi solo all’esame delle carni, ma deve comprendere anche l’esame della corazza; questa deve essere rigida e consistente, non molliccia.

Valutazione dello stato di freschezza dei crostacei

Caratteristiche positive e negative
Scheletro esterno Molto lucente, umido, con arti e antenne rigide Colore leggermente giallastro, opaco, asciutto, con antenne a penzoloni
Occhi Di colore nero molto lucente e ben sporgenti Infossati, verdastri, scoloriti
Legamento addominale Bianco, brillante, appena visibile Molto visibile, di colore grigio tendente allo scuro
Odore Di salsedine, più o meno accennato in alcuni casi, per i piccoli crostacei nullo Acre, tendente alla putrefazione, fetido
Masse muscolari Molto compatte, di colore bianco con tendenza al rossastro, forse dovuto al riflesso esterno del carapace Flaccide, mollicce, di colore tendente al giallognolo
Liquido interno Privo di colore, sapore d’acqua marina Torbido, appiccicoso

La conservazione dei crostacei

I crostacei presentano le stesse caratteristiche di conservazione dei pesci, devono essere conservati in celle frigorifere, in bacinelle con griglie, coperti di ghiaccio tritato. La conservazione è fatta a una temperatura che varia tra i 0 °C a 2 °C per un periodo massimo di due tre giorni.

Mentre i crostacei congelati e surgelati vanno mantenuti ad una temperatura di –18 °C; quelli in salamoia ad una temperatura che varia tra i 2 °C a 5 °C.

La pulizia dei crostacei

I crostacei, soprattutto quelli di dimensioni piccole, devono essere maneggiati con delicatezza. La loro preparazione per la cottura o per il consumo segue procedure precise da un crostaceo all’altro.

Il valore nutritivo dei crostacei

Le carni dei crostacei sono particolarmente tenere e molto digeribili, grazie alla modesta presenza di grassi; sono altresì molto ricche di proteine.

I crostacei sono indicati per diverse cotture e preparazioni: alla griglia, al forno, in umido, al vapore, in court-bouillon, in cartoccio, in padella, alla mediterranea e, per preparazioni di sale e guarnizioni.

I Molluschi

 Molluschi Molluschi Molluschi Molluschi

I molluschi sono animali invertebrati, che vivono per lo più in ambiente acquatico, prevalentemente marino. Si dividono in tre classi d’interesse alimentare:

  • I bivalvi o lamellibranchi, il cui corpo è racchiuso da una conchiglia esterna costituita da due valve; di queste classi fanno parte, per esempio, le cozze, le ostriche, le vongole, le conchiglie san Giacomo o capesante, i tartufi di mare.
  • I gasteropodi, con il corpo in genere racchiuso da una conchiglia esterna formata da una valva; vi appartengono per esempio, le lumache, i cornetti, le padelle.
  • I cefalopodi, nei quali il corpo non è protetto, a questa classe appartengono i calamari, i totani, le seppie, i moscardini, il polpo.

Le caratteristiche di freschezza dei molluschi

I molluschi, come tutti i prodotti ittici, devono essere consumati freschi; le loro caratteristiche organolettiche, infatti, sono tanto migliori quanto più sono freschi.

Per quanto riguarda la conservazione, i molluschi presentano le stesse caratteristiche dei crostacei.

Valutazione dello stato di freschezza dei molluschi.

Caratteristiche positive e negative
Bivalvi Conchiglia chiusa, con acqua all’interno, mollusco molto attaccato, rigido, vivo, resistente all’apertura Valve della conchiglia aperte e assenza di acqua. Legamento morto, di colore giallognolo. Odore di ammoniaca e di putrefazione
Gasteropodi Corpo umido, ben aderente alla conchiglia, odore salmastro per quelli marini, e terricolo per quelli terrestri Corpo asciutto

Odore nauseante e sgradevole

Cefalopodi Occhio lucido, brillante, carni di colore bianco o rosa, umide e di odore salmastro gradevole Occhio smorto, opaco, carni di colore giallognolo, asciutte, odore sgradevole e di ammoniaca

I molluschi sono indicati per diverse cotture e preparazioni: alla griglia, al forno, in umido, al vapore, in court-bouillon, in cartoccio, in padella, alla mediterranea e, per preparazioni di sale e guarnizioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...